Instant Developer 19.0

by Giuseppe Lanzi on 4 aprile 2019

Con il rilascio di Instant Developer Foundation 19.0 è giunto il momento di ricominciare a parlare dell’ecosistema che circonda noi programmatori e sfondare nuovamente i muri della nostra sala riunioni alla ricerca di un confronto pubblico.

L’attenzione di Pro Gamma è sempre di rivolta ai bisogni di ha adottato il nostro IDE, per permettervi di essere sempre al passo con i continui e repentini cambiamenti del mondo IT. Gli aggiornamenti dei browser, le modifiche ai sistemi operativi mobile, i nuovi design pattern richiedono strumenti in continua evoluzione. E questa evoluzione è possibile soprattutto grazie al dialogo con gli sviluppatori.

Nella versione 19.0 abbiamo voluto concentrarci su due fronti: da un lato le vostre segnalazioni che ci avete fatto pervenire tramite l’help desk, il forum e le proposte di modifica; dall’altro lato l’usabilità dello strumento per gli sviluppatori.

Sono più di un centinaio i miglioramenti e le correzioni che hanno trovato posto in questo rilascio. Molti di voi saranno felici di sapere che molti riguardano:

  • la ricerca e i filtri avanzati in lista;
  • i temi Bootstrap e Ionic, che ricevono sia correzioni sia nuove funzionalità.

Ma a parte i miglioramenti, nel nuovo IDE riconoscerete una nuova versione ricca di novità che derivano soprattutto dai vostri suggerimenti e richieste, che per noi sono sempre di grande rilevanza nel decidere la direzione dello strumento e che ci hanno guidato.

Credo valga la pena sottolineare due grandi novità che apprezzerete tantissimo:

  • è ora possibile cambiare skin all’ide scegliendo tra un elenco di temi di successo, oltre che modificare il font e la dimensione del testo del Visual Code Editor;
  • è stato supportato il driver Oracle Managed su C#, che permetterà di compilare e installare un’applicazione che usa un database Oracle senza essere costretti a installare anche i driver ODAC, e che funziona uguale sia a 32bit sia a 64bit;
  • è stata aggiunta una libreria per la gestione di testo in formato JSON;
  • è stata aggiunta la funzione HashWithSalt che vi permette di essere al passo con la sicurezza informatica e proteggere un testo (come una password) con un algoritmo più sicuro anche delle normali funzioni di cifratura.

Per i dettagli e per conoscere anche tutte le altre novità, i miglioramenti e le correzioni che costituiscono il contenuto della versione 19.0 vi invito a leggere le note di rilascio.

Buon lavoro!

Leave a Comment

Previous post: