Vi presento Instant Developer Foundation 16.0

by Luca Baldini on 4 aprile 2017

Si avvicina la Pasqua e, come di consueto e come Andrea ha anticipato qualche settimana fa, è pronta per voi la nuova versione di Instant Developer Foundation 16.0.

Abbiamo introdotto molte novità e miglioramenti interessanti e devo dire che sono molto soddisfatto del lavoro fatto in questa versione,.

Per quanto riguarda la User Interface delle app fatte con Instant Developer Foundation le due implementazioni più rilevanti faranno felici molti di voi. Per cominciare è ora possibile centrare verticalmente il testo delle box nei book. Inoltre abbiamo esteso il supporto a Bootstrap introdotto nello scorso novembre e, oltre ad aver implementato diversi miglioramenti suggeriti dalla community, abbiamo implementato le seguenti funzionalità:

  • gestione dei campi fuori lista;
  • l’editor HTML integrato;
  • full responsive in device di piccole dimensioni.

Per quanto riguarda il framework la novità tecnica più rilevante è che da oggi è possibile serializzare le sessioni in Java. Questa particolare funzionalità è utile quando l’infrastruttura server è configurata in cluster multi nodo a carico bilanciato. Con questa funzionalità la sessione può essere spostata da un server all’altro. Inoltre, nei casi più semplici in cui c’è solo un server, la sessione rimane attiva e funzionante anche se Tomcat viene riavviato. Interessante come feature, vero?

Anche per l’IDE abbiamo ascoltato le vostre richieste implementando diversi miglioramenti nella User Interface di Instant Developer. Dalla versione 16.0 è possibile:

  • vedere in anteprima la grigliatura di Bootstrap per agevolare il design delle videate;
  • ordinare gli oggetti contenuti in una videata per tipo;
  • effettuare una ricerca globale con testo semplice, in tutto il progetto.

Infine, per quanto riguarda lo sviluppo mobile abbiamo aggiornato il template dei pacchetti per Android da Eclipse ad Android Studio, soluzione più attuale che so interessare diversi di voi.

Ma queste sono solo alcune delle novità e miglioramenti introdotti. Vi invito a leggere le note di rilascio per conoscerli tutti e sfruttarli al meglio nelle vostre applicazioni.

Sono certo che questa versione rassicurerà chi si chiedeva se l’impegno di Pro Gamma su Foundation non fosse in pericolo. Come vedete non è così, anzi abbiamo grandi idee per continuare questo 2017.

Continuate a segnalare i miglioramenti che ritenete rilevanti, come vedete sono per noi un feedback molto importante per potervi fornire uno strumento sempre migliore per implementare il vostro business.

Attendo i vostri commenti su Instant Developer Foundation 16.0.

{ 5 comments… read them below or add one }

1 calisto 5 aprile 2017 alle 11:40

Avevate parlato in un post precedente di un nuovo template per le app sviluppate con foundation tale da renderle vicino a quelle native, a quando questa novità.

Grazie

2 giovanni poidomani 5 aprile 2017 alle 14:06

◾effettuare una ricerca globale con testo semplice, in tutto il progetto: ERA ORA, non vi offendete ma non si trovava mai niente 🙂

OTTIMO il passaggio ad AndroidStudio !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

OTTIMO comprimere e decomprimere file e directory, in passato sono impazzito soprattutto con JAVA

3 Stefano Chiusano 5 aprile 2017 alle 15:09

Anche utile add sum field e a run time modifica command set.
Anche ricerca per testo !!!

4 Enrico 9 aprile 2017 alle 14:57

Applaudo e ringrazio per l’implementazione della tabulazione sui pulsanti (selettiva!).
Per chiunque voglia sviluppare un interfaccia gestibile anche via tastiera, era un must.
La sto già usando, è un ottimo passo avanti, grazie!

5 Luca Baldini 12 aprile 2017 alle 17:11

Grazie a tutti per i complimenti. Fa sempre piacere :-)))

Comunque grazie anche a voi… molte delle cose che abbiamo fatto vengono da vostri suggerimenti. Continuate a suggerire sul nostro forum!

@calisto: purtroppo non siamo riusciti ad implementarlo in questa versione ma abbiamo già parte dell’analisi pronta e contiamo di introdurlo nella prossima versione. Stay tuned!

Leave a Comment

Previous post:

Next post: