Un buon feedback fa la differenza

by Matteo Sirri on 9 dicembre 2015

Chi per mestiere sviluppa applicazioni sa che scrivere codice è facile, mentre la parte difficile è farlo funzionare. E per questo occorre un buon debugger, uno strumento che permetta di osservare il comportamento dell’applicazione e scoprire perché non funziona come dovrebbe.

Ecco perché Instant Developer Cloud ha un debugger integrato fino dalle prime versioni, per controllare applicazioni sia cloud che offline, anche mentre sono in mano agli utenti finali.

Tuttavia i feedback dei nostri beta tester hanno evidenziato che lo strumento di analisi dei dati di debug non era pratico da utilizzare. In queste situazioni la tentazione è di fare meno modifiche possibili, magari scrivendo un manuale per spiegare come funziona lo strumento.

Ma siccome un buon debugger fa la differenza, abbiamo deciso di ripartire da zero iniziando proprio da come i nostri beta tester lo stavano usando piuttosto che da come lo avevamo immaginato noi.

Che cosa abbiamo cambiato? Innanzitutto abbiamo reso le informazioni più accessibili, separando la lista degli eventi dall’analisi del trace, aggiungendo una console per vedere in tempo reale le informazioni più utili, e spostando le impostazioni in una videata separata.

Poi siccome molti programmatori javascript sono abituati ad usare console.log per raccogliere informazioni, abbiamo fatto in modo che ogni console.log scritto nel codice arrivasse direttamente nel debugger anche in caso di oggetti complessi.

Infine abbiamo riprogettato l’interfaccia utente del debugger in modo che fosse più naturale e piacevole da utilizzare.

Perché vi abbiamo raccontato questa storia? Perché abbiamo scoperto che quello che fa davvero la differenza è il feedback dei nostri beta tester, e che bisogna avere il coraggio di prenderlo sul serio anche se vuol dire buttare via e rifare una parte del proprio software.

E quindi adesso aspettiamo i vostri feedback anche sul nuovo debugger!

{ 1 comment… read it below or add one }

1 t.simoncini 9 dicembre 2015 alle 18:05

Parlando di feedback… anche il debug step-by-step dell’edizione Foundation avrebbe bisogno di un paio di interventi…

Leave a Comment

Previous post:

Next post: