Tutto in 70 secondi

by Giovanni Foschini on 24 gennaio 2012

Dopo il post di Giuseppe in cui il focus era l’importanza delle interfacce delle applicazioni per Android, voglio condividere con voi questo  altro studio che analizza come e quando gli utenti le utilizzano. Si tratta di una ricerca basata sulla raccolta dei dati  di oltre 4.000 utenti di dispositivi Android.

Il primo dato importante emerso è che, nonostante gli utenti trascorrano quasi un’ora al giorno sui propri smartphone o tablet, in media la durata delle sessioni di utilizzo di ogni applicazione supera di poco i 70 secondi.

Lo studio entra nel merito anche del tipo di applicazioni e del momento preciso nella giornata in cui esse vengono usate. Solitamente  la giornata inizia consultando le news, prosegue controllando i conti e la finanza a metà mattina, mentre la sera è il momento in cui ci si rilassa giocando o utilizzando i social network. Discorso a parte per le applicazioni inerenti la comunicazione che dominano ogni momento della giornata.

Ma l’indagine mostra soprattutto un nuovo fenomeno, quello delle catene di applicazioni: si usa un’app per poi passare ad un’altra che però è in qualche modo dipendente dalla prima. Ad esempio un utente avvia l’applicazione AroundMe (Lifestyle), prosegue utilizzando l’applicazione Find A Starbucks (Shopping) per finire su Google Maps (Viaggi) magari per verificare la strada da fare.

Devo dire che pensando a come io uso il cellulare e l’iPad, mi riconosco abbastanza sia nei tempi che nei modi descritti. In effetti ho notato che sono portato a svolgere un’attività complessa scomponendola in sottoattività più semplici, ognuna risolta da una specifica applicazione.

Questa dinamica è diversa dal modo con cui siamo soliti progettare le  applicazioni “desktop”: spesso con un solo programma vogliamo fare tutto, a volte anche il caffè! Credo però che questo diverso approccio sia un fattore decisivo nel decretare il successo di una app.

So che molti hanno già iniziato a sviluppare le proprie mobile app. Mi piacerebbe sapere se avete tenuto conto di queste indicazioni o avete fatto altre scelte.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: