Tips & Tricks: debug di un’app offline

by Giuseppe Lanzi on 27 maggio 2014

Nel mondo delle app mobile l’usabilità e il buon funzionamento dell’applicazione sono elementi decisivi: quando un’app non funziona bene al primo colpo, siamo subito tentati di cancellarla e installarne un’altra, tanto non c’è che l’imbarazzo della scelta. È chiaro che in un contesto come questo è obbligatorio testare l’app direttamente sul device e non solo nel simulatore. Ho deciso di scrivere questo post per fare il punto sugli strumenti di debug utilizzabili: quello dell’applicazione, quello di Caravel e quello del browser.

Il modulo di debug tipico delle applicazioni fatte con InDe è sempre disponibile, ma non è sempre evidente. Infatti quando l’app è mostrata nel simulatore è sufficiente cliccare sulla rotella in alto a sinistra, ma quando si sta usanto la shell nativa non c’è nessun bottone. Come fare? Basta aggiungere una voce di menu che richiami il metodo DTTOpenDebug, che fa comparire un popup contenente lo stesso debug a cui accediamo dal simulatore. Se poi si vuole evitare di dover togliere o mettere il comando a seconda di come si compila l’app, è sufficiente usare command.setVisible = DTTStarted nell’evento di Initialize: il comando sarà visibile solo se l’applicazione è compilata con il debug attivato.

Con il metodo descritto possiamo vedere il codice dell’app installata sul dispositivo, ma resta ancora da sapere come analizzare il comportamento della Shell Nativa o di una personalizzazione javascript all’interfaccia grafica. Qualche tempo fa era Luca che ci parlava del debug di Caravel, accessibile mediante la barra degli indirizzi: basta scrivere debug.log per vedere le operazioni eseguite e debug.? per avere l’elenco di tutti i comandi disponibili. Fin qui è stato facile, ora resta solo da capire come analizzare un problema javascript che si manifesta solo sul dispositivo.

Questa volta sono i browser a venire in nostro aiuto, perché a partire da Chrome 32 e da Safari per iOS 6 è possibile eseguire il debug remoto del dispositivo direttamente dal proprio computer. Date un’occhiata alla guida per Chrome e a quella per Safari, in pochi minuti potrete eseguire step by step il codice javascript della vostra app creata con InDe.

Riuscite a vedere il messaggio che ho preparato per voi in questo progetto di esempio? Bene, allora avete capito come si fa.

Mi aiuti a scegliere l'argomento del prossimo articolo dei Tips & Tricks?

  •    Estendere la Shell Nativa.
  •    Ottimizzare la sincronizzazione di documenti con proprietà BLOB.
  •    Gestire la sincronizzazione di modifice fatte da software di terze parti.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: