Ti è venuto un malware? Ci pensa Google

by Giuseppe Lanzi on 22 luglio 2011

Questa settimana ho letto una notizia interessante dall’Official Google Blog:
Google usa i dati di navigazione in suo possesso per proteggere gli utenti dai malware.

Un particolare tipo di malware, infatti, causa un traffico di rete sensibilmente anomalo. BigG può accorgersi di questo traffico e quindi avvisare l’utente quando viene visitato il motore di ricerca. Quindi quasi subito.

Ma in un mondo dove ci si chiede giustamente se l’analisi del testo effettuata da GMail è un’invasione di privacy tollerabile o meno, un servizio di questo tipo come verrà visto?

Secondo voi è interessante o pericoloso?

Una cosa è  certa: le potenzialità dei dati in possesso di Google sono notevoli.

{ 2 comments… read them below or add one }

1 Riccardo Bianco 22 luglio 2011 alle 15:54

E` un quesito molto interessante.

2 Alberto Senni 22 luglio 2011 alle 19:48

Serve a google per mettersi a posto la coscienza, mentre analizza il tuo traffico ti fa “un favore” dicendoti “appear to be infected” e tu dici ma gurada che che figata W google”!!

Leave a Comment

Previous post:

Next post: