Quel tocco umano che manca a Siri

by Giuseppe Lanzi on 28 giugno 2013

Vi ricordate che qualche tempo vi parlavo della mia delusione nell’esperienza con Siri? Beh, recentemente mi sono imbattuto in un interessate articolo riguardo all’intelligenza degli assistenti virtuali. Un articolo dal titolo emblematico: per diventare davvero intelligente, Siri potrebbe aver bisogno di un tocco umano. Mi sono detto “esatto, è quello che pensavo anch’io”.

Evidentemente anche lo staff di ChaCha.com ha pensato la stessa cosa, perché è proprio con un sistema human-assisted che è riuscito ad ottenere ottimi risultati. Secondo un recente studio della Butler University, il sito di question & answer raggiunge un indice di intelligenza del 72% e un’accuratezza del 73%, mentre nello stesso test Siri ottiene rispettivamente 16% e 32%.

Devo dire anche che la graduatoria mi ha stupito un po’, perché non immaginavo che Ask.com, Bing e Iris (l’alter ego androide di Siri) fossero così efficienti.

Una lettura interessante per finire la settimana, con un solo nota bene: a finanziare lo studio è stata ChaCha stessa, un’ottima strategia di marketing?

Leave a Comment

Previous post:

Next post: