L’importanza del piano B

by Giuseppe Lanzi on 3 maggio 2011

Sappiamo tutti che venerdì scorso ha preso fuoco la server farm di Aruba; anche i servizi di Pro Gamma  sono diventati  inaccessibili come quelli di tantissime realtà italiane. Basta fare una ricerca con hashtag #aruba per capire cosa dice la rete. Scrivo il post per condividere con voi le riflessioni che il fatto mi ha suscitato.

Tutti pensano che il disaster recovery sia importante.
Molti prevedono un disaster recovery nella progettazione dei propri servizi.
Pochi aggiornano e manutengono effettivamente il sistema periodicamente.

Da quello che ho letto ho avuto l’impressione che siamo tentati di pensare di avere le spalle coperte dal fornitore di turno. E’ lui che deve avere i backup, è lui che deve avere un disaster recovery, è lui che si deve preoccupare di gestire le emergenze.

Oggi siamo tutti più consapevoli del fatto che questo non è vero e che, almeno per i servizi più critici, è necessario pensare al piano B. Per noi il servizio critico è  la gestione delle licenze. Infatti, anche se non è strettamente necessario collegarsi, la portabilità della licenza da una postazione all’altra è una funzione  molto usata dai nostri clienti.

Non è accettabile essere vincolati ai tempi di risoluzione di Aruba, e il lavoro dei programmatori è molto più importante dell’avere le spalle coperte da cause di forza maggiore. Per questo Instant Developer è stato progettato per utilizzare un server di licenza alternativo qualora quello primario fosse inaccessibile. Nel marzo del 2008 ho creato il sistema di disaster recovery di Pro Gamma: un server dislocato altrove che ogni giorno scarica le versioni aggiornate dei database, delle applicazioni e del sito. Per tre anni ho adeguato il sistema ai cambiamenti dei nostri servizi, controllando periodicamente che non ci fossero problemi. Per tre anni è rimasto lì, apparentemente inutile. Fino alle 5 di venerdì scorso.

Chi aveva preso la licenza con Rilascio alla scadenza non ha avuto problemi, ma gli altri utenti sarebbero stati impossibilitati a usare In.de fino al ripristino da parte di Aruba. Invece già dalle 9.15 è stato possibile accedere alle proprie licenze normalmente e anche il servizio di assistenza è ripartito già dalle 10.00.

Valeva la pena di spendere tutto quel tempo a impostare un sistema del genere?
Da venerdì sono più convinto di sì.

{ 1 comment… read it below or add one }

1 Giuseppe Cassanelli 6 maggio 2011 alle 13:40

Vuoi sposarmi ??

Scherzi a parte, concordo in pieno ! Io sono anni che faccio il backup/immagine del pc in uso una volta a settimana e per tre volte mi è servito a ripristinare a fronte di problemi diversi (hardware, virus, problema windows).
Molto bene.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: