Le quattro gambe del tavolo

by Luca Baldini on 19 gennaio 2010

FourLegs

Oggi vorrei raccontarvi chi sono i miei colleghi.

Iniziai a lavorare in Pro Gamma nel lontano 2003. Allora lavoravo in Magneti Marelli, assunto a tempo indeterminato a meno di due chilometri da casa. Un giorno incontrai Andrea che mi chiese se volevo lavorare con lui su un progetto che stava portando avanti da qualche tempo.

Conoscevo Andrea dalle superiori, da quando frequentavamo insieme l’ITIS a Ravenna. Io ero in terza superiore e lui in quinta e già aveva trovato il modo di farsi conoscere: in laboratorio  tutti usavano il compilatore chiamato “RagaMaio”.

Non ci misi molto a decidere, mi sembrò da subito una proposta interessante anche perché avrei finalmente usato le mie capacità per costruire qualcosa, cosa che non facevo più da quando avevo abbandonato la ricerca al MIT.

Anche Giovanni frequentava l’ITIS a Ravenna. Possiede da sempre una dote che invidio: la loquacità. Ed io sono uno che parla! Ma lui lo fa in un modo particolare, appassionato di quel che dice, partecipe ed interessato al suo interlocutore. Inoltre è sempre attento a cogliere tutte le occasioni che si presentano.

Un aneddoto: eravamo entrambi al corso antincendio (siamo entrambi responsabili della sicurezza in azienda) e lo vedevo impegnato con il suo cellulare. Guardai incuriosito cosa stesse facendo: era riuscito a prendere il foglio dei presenti e stava guardando sul suo cellulare in quali aziende lavorassero. Ne trovò una che operava in campo informatico e subito cercò di capire chi fosse la persona. Finita la lezione lo vidi lanciarsi per incontrarla. Ascoltai attentamente cosa si stessero dicendo e la preoccupazione di Giovanni non era tanto quella di vendere qualcosa ma di capire se ci fosse la possibilità di lavorare insieme.

Giuseppe è il più giovane. Entrò in Pro Gamma dopo di me ed io non lo conoscevo. Ho sempre pensato a Giuseppe come ad un “ciappinatore” [*]. Non per niente è colui che si occupa dell’assistenza ai clienti. Nonostante sia io ad occuparmi dello sviluppo di In.de, è lui a battermi spesso nella ricerca di rapidi workaround a problemi o bachi.

Queste sono le persone con cui lavoro tutti i giorni e dalle quali, ad essere sincero, ho imparato molto in questi anni.

[*] CIAPPINATORE: “Il termine, in bolognese, indica il trafficone tuttofare, colui che svolge attività nell’ambito della manutenzione della dimora o dei veicoli all’interno di relazioni di condominio o di quartiere”, cit. da Facebook

Leave a Comment

Previous post:

Next post: