La CRISI: sfida per un cambiamento

by Andrea Maioli on 22 novembre 2011

Siamo talmente bombardati dagli allarmi dei telegiornali sulla drammatica situazione economica e politica, che nessuno ha voglia di parlare della crisi, quasi che sia un problema che qualcun altro deve risolvere e che meno ci tocca e meglio è.

Purtroppo però non è così semplice. Perché la crisi economica ci tocca eccome. Meno soldi in giro e più paura di investire rendono più difficile vendere licenze dei propri prodotti software e i servizi collegati.

Per questa ragione voglio proporre un articolo che ho letto recentemente. Mi sembra interessante perché non sposta il problema in un ambito lontano, ma aiuta a capire qual è il nostro compito di imprenditori e professionisti. Riporto una frase a pagina 3 che mi sembra riassumere bene l’idea:

“Che cosa accomuna tutti questi tentativi positivi? La convinzione che la realtà, anche quando appare negativa e difficile − come vediamo oggi −, rimette in gioco la voglia di conoscere, di costruire, di impegnarsi, sebbene sia stata oscurata e mortificata da anni di omologazione del potere.”

“Allora la strada per attraversare − e per non subire da rassegnati − la crisi è vivere la realtà come una provocazione che ridesta il desiderio e la domanda che, per quanto riguarda l’Italia, significa anche ingegno, conoscenza, creatività, forza di aggregazione.”

Proprio a partire da questo giudizio che noi abbiamo deciso di investire tutto il lavoro degli ultimi 18 mesi e dei prossimi anni sulla rivoluzione mobile. Ed è per questo che vi invitiamo da subito a fare altrettanto.

Certamente ripensare i propri prodotti con i nuovi modelli di business dell’informatica mobile non è facile. Occorre imparare un nuovo modo di progettare, di sviluppare e di vendere. Ma se non lo si fa ora, poi non ci si può lamentare che la crisi impedisce di lavorare.

Occorrono anche gli strumenti giusti; per questo vogliamo far diventare Instant Developer il sistema di sviluppo per le applicazioni business in ambito mobile.

 

Leave a Comment

Previous post:

Next post: