iPad: con In.de 10.5 si può già partire

by Giovanni Foschini on 25 ottobre 2011

La versione 10.5 conclude il ciclo di sviluppo del 2011 che ha avuto come suo asse portante:

  • l’automatizzazione e la gestione della fase di pubblicazione (ID Manager);
  • la gestione delle personalizzazioni e della localizzazione (Run Time Configurator);
  • la possibilità di controllare il funzionamento in produzione (Trace).

Viene così estesa la gestione del ciclo di sviluppo da parte di In.de con importanti funzionalità per il controllo delle proprie applicazioni web in produzione.

Oltre a questo, nella versione 10.5 è già partito il lavoro che andremo a fare nel corso del 2012. Come avevamo annunciato a ten2start, il tema centrale delle prossime release sarà infatti lo sviluppo in ambito Mobile sia per smartphone che per tablet, sempre nella logica di un solo strumento di sviluppo e di un solo progetto per la creazione delle proprie applicazioni per tutti i dispositivi più diffusi: Apple, Android e Microsoft.

In particolare nella versione 10.5 di In.de è già stato anticipato il rilascio:

  • di un template per la realizzazione di applicazioni web su iPad praticamente indistinguibili da quelle native;
  • del supporto al database SQLite,  il più diffuso in ambito mobile;
  • dei servizi di sincronizzazione tra database diversi.

Questi elementi, insieme al nuovo motore Javascript e alle shell native, vi consentiranno di realizzare le vostre offline web application, o per come le abbiamo chiamate noi le applicazioni integrate .

Sicuramente il fermento attorno ai dispositivi mobile sta crescendo sempre di più, anche in un’ottica business e non più solo consumer. L’iPhone4s, l’Ice Cream Sandwich di Android e gli annunci Microsoft Metro confermano questa tendenza. Vale la pena iniziare ad utilizzare questa release per poter cogliere queste opportunità di business ed essere già pronti quando rilasceremo la versione 11.

La versione 10.5 contiene anche tante altre novità importanti; ti invitiamo a scoprirle leggendo le note di rilascio.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: