iOS7 cambia faccia

by Giuseppe Lanzi on 14 giugno 2013

In questi giorni è stato presentato iOS7, l’ultimo sistema operativo di casa Apple che sarà presto installato sugli iPhone di tutto il mondo.

Dal punto di vista applicativo i miglioramenti più importanti sono il multi tasking per tutte le applicazioni e il nuovo Control Center. Ma la novità più eclatante è che il sistema operativo è stato completamente ridisegnato.

Non è una notizia da poco, perché significa una cosa ben precisa: quasi un milione di app devono essere modificate per adeguarle alla nuova grafica del melafonino. Devono proprio, un po’ perché Apple lo richiede per rimanere nell’App Store, e un po’ perché altrimenti sembreranno app del secolo scorso.

Sinteticamente Dan Rowinski scrive su ReadWrite: “i designer di app mobile sbatteranno la testa contro un muro”.

Noi non abbiamo la minima intenzione di farvi sbattere la testa contro un muro, e infatti abbiamo già in programma di rendere Instant Developer compatibile con iOS7 già dalla prossima versione 12.5 prevista per ottobre, giusto in tempo per l’arrivo del nuovo sistema operativo.

Basterà ricompilare l’applicazione con il nuovo tema per rimanere allo stato dell’arte.
Un bel vantaggio rispetto allo sviluppo nativo :)

{ 1 comment… read it below or add one }

1 Mauro Marini 17 giugno 2013 alle 01:23

La possibilità che un nuovo tema consenta di adattarsi al nuovo stile di interfaccia di iOS7 è molto confortante e la tempistica sembra perfetta!
C’è da aggiungere che i cambiamenti previsti sull’interfaccia di iOS7 portano sempre più da “interfacce illustrate” a “interfacce animate”. Lo stesso trend si è già visto in Android e Window8, tanto da far apparire alcune soluzione Apple come copie dei sistemi competitori.
L’animazione può essere oltretutto dipendente dallo stato dei sensori fisici (es.: cambiamento orientamento del dispositivo che fa scorrere i layer per dare l’impressione di tridimensionalità).
Si fa quindi più profonda la logica sul lato di interfaccia.
Non è una caso che Sencha abbia appena reso disponibile “Animator”, un designer per animare interfacce con CSS3 e poi esportare il tutto e collegarlo alla logica applicativa (Sencha Touch).
InDe ha dimostrato di interagire con i sensori locali grazie alla shell.
Sarebbe interessante capire come la tendenza verso l’animazione possa essere raccolta e integrata in InDe. Magari parassitando il modulo stesso di Sencha che costa relativamente poco o con qualcosa di originale “Progamma style”.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: