IntelliTrace, In.de o entrambi?

by Giuseppe Lanzi on 16 aprile 2010

Il 12 aprile 2010 Microsoft ha rilasciato ufficialmente Visual Studio 2010.

Una delle feature più interessanti della nuova versione è IntelliTrace, un nuovo motore di debug che permette di ottenere lo storico completo del codice eseguito. Vengono tracciate le query ADO, l’output su console, i data binding, le variabili di ambiente, la creazione e la modifica dei file, ecc.

Visual Studio IntelliTrace screenshot
intellitrace

Durante la presentazione dicevano che Visual Studio 2010 è il “primo ambiente di sviluppo” ad avere uno strumento simile.

Concordo solo se cambiamo la frase e diciamo che è “l’ambiente di sviluppo numero 1“, perché da diversi anni Instant Developer ha uno strumento analogo che permette di visualizzare lo storico di esecuzione. Tra l’altro il livello di informazioni fornite dalla nostra versione è maggiore: vengono collezionate informazioni a livello di singola riga di codice.

Instant Developer Debug screenshot
debugInde

Se cambiamo la frase mi sta bene. VS2010 è il numero 1, ma noi il numero 0.

L’informatica è zero-based, ragazzi.

{ 4 comments… read them below or add one }

1 Francesco Sandrelli 16 aprile 2010 alle 15:34

La considerazione è un po da sbruffoni ma sostanzialmente è vero!

2 Alberto Senni 18 aprile 2010 alle 14:42

Partendo dalla mia esperinza posso dire che spesso le aziende Grandi o M$olto Grandi sono un pò presuntuose pensano (e sono convinte) di essere comunque innovative e di avere sempre la migliore soluzione, purtroppo, anzi per fortuna, a volte, sono smentite clamorosamente …… per cui evviva l’informatica zero based

3 Teo 18 aprile 2010 alle 21:39

Credo che sia sbagliato confondere il debugger di INDE con quello di Visual Studio. Il motivo principale di questa mia affermazione sta nel fatto che quello di INDE e’ secondo me impropriamente chiamato debugger. L’utilizzo e’ piu’ simile a quello di file di trace. Non puoi impostare breakpoint o cambiare il valore delle variabili mentre e’ in esecuzione. Oltre a ciò, da quel che so io (ma potrei sbagliare), Intellitrace ti permette di debuggare addirittura all’indietro, cambiare il nome delle variabili e poi riandare in avanti. Credo proprio che non sia possibile fare un confronto don il trace (e non debug) di INDE.
http://www.youtube.com/watch?v=LOoy0OrejJ8

4 Andrea Maioli 19 aprile 2010 alle 18:38

@teo: come mostrato qui e qui, il comportamento dell’historical debugger, chiamato anche IntelliTrace, è proprio quello descritto nell’articolo. Quindi il confronto fra i due sistemi è possibile e i dati riportati nell’articolo sono corretti.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: