In viaggio con Street View

by Giuseppe Lanzi on 12 aprile 2013

Ogni settimana ci sono molte notizie interessanti che varrebbe la pena segnalarvi qui sul blog, e spesso scegliere è difficile. Questa volta la scelta ricade su Hypserlapses, un progetto sperimentale che ha lo scopo di creare animazioni stop motion utilizzando le immagini di Google Street View.

Provarlo è semplice, scegliete l’indirizzo di partenza e quello di destinazione e poi cliccate su Create. Il risultato è un video del percorso scelto, visto proprio come quando siete in macchina. Potete anche cambiare inquadratura mentre siete “in viaggio” usando il mouse .

È un progetto interessante perché è interamente realizzato con HTML5 e JavaScript, è quasi un’applicazione offline. Le potenzialità latenti di queste tecnologie sono forse ancora da scoprire.

Noi dobbiamo solo usare l’immaginazione per sfruttarle al massimo.

{ 2 comments… read them below or add one }

1 Giuseppe Cassanelli 12 aprile 2013 alle 18:21

Bello, peccato che non si possa rallentarlo: su percorso breve o ricco di particolari non si vede nulla.
Capisco che la velocità serva a rendere più fluido il filmato, però…

2 Mauro Marini 12 aprile 2013 alle 23:25

Non si può rallentare, ma si può rendere più fluido scegliendo percorsi molto brevi e mettendo il punto di osservazione lontano dal percorso.
E’ spettacolare con brevi percorsi costieri puntando un’isoletta o un altro pezzo di costa lontano.
Sul piano tecnico è notevole quello che si può fare con un linguaggio di scripting…ma c’è anche il trucco.
Non è un caso che spopolino applicazioni per foto e mappe.
In queste applicazioni una grandissima parte del contenuto percepito dall’utente NON è parte dell’applicazione, ma costituito da parti multimediali (mappe, immagini, foto, grafica…). In altri termini, sapendo giocare bene con i contenuti, bastano poche funzioni interattive e si acchiappa l’interesse dello spettatore che non distingue tra contenuto ed engine.
Il lavoro duro qui lo fanno le API di Google Maps che “servono” le immagini con una rapidità impressionante e soprattutto le auto di google che vanno in giro per il mondo.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: