È l’ora di Foundation

by Andrea Maioli on 3 novembre 2015

Questo mese è stato un periodo pieno di aggiornamenti, anche se la parte del leone l’hanno fatta le edizioni Cloud. Ma chi è con noi da più tempo sa che fine ottobre è il momento dell’ultima versione annuale di Foundation e anche questa volta non vogliamo deludervi.

Se ricordate la roadmap tracciata lo scorso maggio all’evento From foundation to the digital future, vi avevamo promesso che fino a marzo 2016 avremmo dedicato la maggior parte del tempo alle edizioni Cloud, mantenendo però Foundation sempre allineato all’evoluzione dei sistemi operativi mobile e dei browser desktop.

Quindi la versione 14.5, disponibile da oggi, è dedicata proprio alla compatibilità con iOS 9, con Android M e con Windows 10 ed Edge. Naturalmente abbiamo integrato la soluzione ai malfunzionamenti scoperti in questo periodo dal servizio di assistenza e alcuni miglioramenti richiesti dalla community; per saperne di più potete leggere le note di rilascio.

Potremmo salutarci qui, ma c’è un corollario a questa storia che altrimenti sarebbe un po’ “di normale amministrazione”. Se qualcuno di voi ha avuto occasione di parlare con me in questi ultimi tempi, sa che la tematica di UX design è diventata un chiodo fisso e questo non poteva non avere un impatto anche su Foundation.

Per questa ragione abbiamo reso disponibile nella versione 14.5 il nuovo tema grafico Zen, che trovate come default nei nuovi progetti web. Se volete dargli un’occhiata in anteprima guardate qui: abbiamo convertito uno dei nostri esempi classici, nwind, ora anche in versione zen.

Questa ulteriore novità sottolinea il fatto che le edizioni Foundation e Cloud andranno avanti insieme nei prossimi anni; entrambe quindi richiedono temi grafici adatti ai tempi attuali.

Sono certo che saprete utilizzare Zen al meglio per fare applicazioni Foundation ancora più belle e che si integrino senza difficoltà con quelle Cloud. Come sempre aspetto i vostri commenti e le vostre esperienze.

{ 2 trackbacks }

Lavoriamo insieme? | il blog di pro gamma
15 marzo 2016 alle 18:19
Arriva Instant Developer 15.0 | il blog di pro gamma
5 aprile 2016 alle 17:33

{ 7 comments… read them below or add one }

1 Michele Marianelli 3 novembre 2015 alle 14:35

Bello il nuovo tema Zen!

2 Mario Cioffi 4 novembre 2015 alle 08:37

Trovo Zen ben fatto. Anche se le barre dei titoli mi sembrano un po’ esagerate. Capisco che va nella direzione di un uso anche su tablet, ma a volte lo spazio è tiranno. Spero si possa intervenire, in modo semplice, per personalizzarlo…

3 Andrea Maioli 4 novembre 2015 alle 11:55

Sono contento che Zen piaccia.
La personalizzazione avviene come al solito, tramite il file custom3.css dove potete riportare le variazioni alle classi che trovate in quello base.
Tenete conto tuttavia che Zen è un template per applicazioni browser desktop, quindi non è stato ottimizzato per l’uso da dispositivo mobile.

4 Gian luca Ceretti 4 novembre 2015 alle 18:11

Molto bello il il tema zen, quello che mi crea maggiori difficoltà, rispetto alle richieste che ci fanno i nostri clienti, é il perché questi temi non siano compatibili con un tablet o addirittura per un uno smartphone. Esistono temi desktop che funzionano anche in mobile (bootstrap) e non mi é chiaro percbè non si persegue questa direzione, obbligandoci a sviluppare 2 applicazioni mobile desktop. Instant developer é sempre in miglioramneto ed é un prodotto assolutamente fuori dal comune che non ha eguali e ritengo che questo sia solo un micro difetto che potrebbe essere risolto. Comunque complimenti

5 Andrea Maioli 5 novembre 2015 alle 11:28

@Gianluca, capisco bene il tuo punto di vista.

Instant Developer contiene due tipi di temi: quelli pensati un utilizzo prevalente da browser (Casual, Seattle, Zen) e quelli pensati per i device mobili (Quadro, Mobile, Mobile7), che sono comunque utilizzabili anche da browser. La differenza non sta tanto nella parte grafica, ma nel comportamento delle applicazioni.

Se l’applicazione deve funzionare bene in tutti i contesti, l’approccio giusto è quello “mobile first”, quindi consiglio di scegliere un tema fra quelli per i device mobili.

6 Francesco Giannelli 5 novembre 2015 alle 22:05

Ciao a tutti, anche noi siamo molto soddisfatti delle novità! Ma anche io mi chiedo, c’è speranza che in un futuro non troppo remoto sarà supportato il framework bootstrap? La butto là…secondo me se chiedete di contribuire allo sviluppo di questa implementazione, trovereste parecchi interessati (noi ci siamo!). Buon lavoro e …buon proseguimento!

7 Andrea Maioli 12 novembre 2015 alle 09:14

@francesco: Mai dire mai!

Per iniziare a ragionarci perché non organizziamo una call? Mandami una mail che prendiamo un appuntamento. I miei contatti sono nella pagina “autori” del blog.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: