Come (ri)fare il sito Web in 3 mosse

by Stefano Dughiero on 28 ottobre 2014

Oggi ho il piacere di usare questo spazio, che dedichiamo a parlare con voi di Instant Developer e di tecnologia, per quello che consideriamo un avvenimento molto importante: è nato il nostro nuovo sito web.

Voglio raccontarvi come ci siamo arrivati e perché abbiamo fatto alcune scelte, per un lavoro ispirato dall’idea di portare vantaggi non solo a noi ma anche a chi ha già scelto o sceglierà Instant Developer.

Come sapete che il mercato italiano è un nostro punto fermo sapete anche che vogliamo espanderci all’estero. Questo è uno dei motivi per cui abbiamo deciso di costruirci una nuova casa ed abbiamo deciso di farlo con un respiro internazionale. Così ci siamo rivolti a professionisti del web design e del marketing tecnologico con base a Londra, uno dei centri di importanza strategica per l’IT mondiale, a diretto contatto con le ultimissime novità nell’evoluzione e nei trend della nostra industria.

Ma questo primo passo è stato solo la base per partire con il piede giusto.

Il secondo passaggio fondamentale è stato decidere di dare spazio ai nostri clienti e al racconto delle loro storie. Perché è solo con il loro successo che possiamo spiegare a chi non ci ha ancora scelto o, perché no, a chi ha ancora dei dubbi di avere fatto la scelta giusta, qual è il valore di Instant Developer.

Invito a leggere tutte queste storie perché tante raccontano dei tre principali vantaggi che si ottengono usando Instant Developer rispetto agli strumenti di sviluppo tradizionali, e lo dimostrano con i fatti:

  • La riduzione del costo totale di gestione (TCO) dei progetti software.
  • L’aumento della velocità con cui le soluzioni arrivano sul mercato, condizione indispensabile per essere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza.
  • La realizzazione di progetti che non sarebbe stato altrimenti possibile portare in produzione per mancanza di soldi, tempo, risorse adeguate, know-how e strumenti adatti, perdendo quindi la commessa o il cliente.

I clienti che raccontano la loro esperienza sono tutti italiani, ma Instant Developer da questo punto di vista è già internazionale. Basta guardare come il nostro forum in inglese sia sempre più utilizzato e vivo. Supportare e facilitare lo sviluppo di questa Community è uno dei motivi per cui abbiamo ideato un’offerta completamente nuova. Siamo convinti infatti che, più grande è la Community, anche a livello internazionale, più grandi saranno i vantaggi per chi lavora con Instant Developer.

La terza mossa, essenziale nel motivare la realizzazione del nuovo sito Web, è stata il lavoro sul messaggio, anche in questo caso con un obiettivo ben preciso: trasmettere il valore di Instant Developer indicando quali secondo noi sono i motivi per sceglierlo rispetto ad altri strumenti nel suo mercato di riferimento:

  • Perché offriamo ai nostri clienti opzioni di formazione e supporto a 360 gradi.
  • Perché in tempi molto rapidi è possibile veramente gestire qualsiasi livello di complessità senza fare ricorso ad altri strumenti esterni.
  • Perché sì, il fatto che siamo sul mercato da 15 anni e abbiamo sempre tenuto fede alla promessa di mantenere i nostri clienti al passo con la tecnologia è la dimostrazione che continueremo a farlo.

Ma non è tutto qui. Vi invito curiosare nelle pagine, anche dai vostri tablet e smartphone, perché le novità sono tante.

Le porte della nostra nuova casa sono aperte, benvenuti!

Se avessi la possibilità di scegliere un unico strumento di marketing, per quale opteresti?

  •    Sito Web affiancato da campagna AdWords
  •    Gestione dei social media
  •    Telemarketing
  •    Pubblicità su giornali/riviste tradizionali e online
  •    Blogging

{ 4 comments… read them below or add one }

1 Mauro Marini 29 ottobre 2014 alle 02:26

Più che un sito nuovo, mi sembra un rivoluzione nella comunicazione: ben fatto!
Sarà che negli ultimi mesi sono stato un po’ distratto, ma noto dei cambiamenti significativi anche nei contenuti. Ci sono video corsi scaricabili ufficialmente e pure politiche di licenze diverse da quelle che ricordavo. Dovrò leggere tutto con più calma.
Tornando al sito, la prima impressione è di un sito “bello e moderno”.
Sottolineo “bello”. E non è poco. La diffusione di dispositivi mobili (tablet e smartphone) ha alzato notevolmente il livello di bellezza minima accettabile anche da parte di utenti non tecnicamente preparati.
Interessante la parte sui clienti e i loro progetti. Si nota lo sforzo di rendere quantitativi i benefici. Forse è un po’ dispersiva la presentazione, nel senso che ci vuole molto tempo per leggere tutto. Un prospect potrebbe voler cercare rapidamente qualcosa di vicino ai suoi interessi. Potrebbe essere utile mettere degli highligh per tipo di cliente o tipo di applicazione o tipo di beneficio o tutti e tre.
Una delle parti che mi è piaciuta di più è la roadmap: sia perché attraente graficamente (bello il gioco di colori mentre ci si sposta, come nel tour), sia ovviamente per i contenuti che danno l’idea della visione.
Anche il tour è ben bilanciato nella presentazione delle funzioni importanti e non affoga l’utente con troppe informazioni.
Alcune suggerimenti personali, non necessariamente condivisibili:
- le barre a scomparsa che compaiono quando si va sopra le frecce (avanti e indetro) nella home page, in alcuni casi coprono il testo sottostante rendendo difficile la lettura. Non mi sembrano necessarie visto che è universale il significato di quelle due frecce.
-trovo debole la pagina del “chi siamo” . Dato il titolo, mi aspettavo di trovare i profili chiave e invece c’è la storia. Comunque, se l’obiettivo era di dimostrare che “avete la vista lunga”, avendo pensato qualcosa 20 anni fa che ancora ha pienamente valore, questo concetto si perde un po’. Se l’obiettivo di quella sezione è dimostrare che siete credibili, invece della storia, una statistica sulle funzioni annunciate negli anni e poi realmente realizzate potrebbe essere più efficace. Se l’obiettivo è dimostrare che siete robusti, qualcosa che indichi la crescita relativa negli anni. In conclusione, non è chiaro (almeno a me) il focus del “chi siamo”.
- Nel Tour si parla del report designer come dello strumento per realizzare anche interfacce avanzate. Vista l’importanza delle interfacce nelle applicazioni moderne, forse sarebbe meglio cambiargli il nome. Report fa un po’ vecchio.

Circa l’unico strumento di marketing da suggerire, considero la domanda un trabocchetto: dipende infatti dal target. La schermata delle licenze indica che Progamma vorrebbe andare dall’hobbista all’enterprise, includendo freelance e software house. Considerato che il marketing serve a raggiungere, catturare e tenere il cliente, servono combinazioni con pesi diversi tra i canali elencati per ognuno dei target. Una grossa azienda ad esempio, vorrà vedere un bel sito come quello nuovo, e non credo andrà su un social per comprare lo strumento di sviluppo. Un freelance invece potrebbe essere interessato da articoli su magazine on line.

Concludo con una provocazione. I siti moderni, come quello appena rilasciato, non sono più solo pagine di testo e grafica linkata come erano 20 anni fa. Sono ormai vere e proprie applicazioni: contenuti frequentemente aggiornati, grafica interattiva, infografiche, collegamenti ad siti e applicazioni esterni…e allora perché non è fatto con InDe? :-P

2 Stefano Dughiero 29 ottobre 2014 alle 11:57

@Mauro Marini. Grazie innanzitutto per aver valutato in modo così approfondito il nostro nuovo sito web. L’ho notato non solo dal fatto che hai commentato una gran parte delle sezioni ma soprattutto dal livello a cui è arrivata la tua analisi. Volevo risponderti su tre punti in particolare.
Il primo è l’eventuale possibilità di filtrare le storie dei clienti. Hai ragione e abbiamo deciso di prendere la strada attuale perché onestamente non ci aspettavamo un’adesione così numerosa al nostro invito a pubblicare sul nostro nuovo sito i casi di successo. Chiaramente se il trend, come credo e spero, proseguirà, la pagina verrà ristrutturata e i risultati saranno filtrabili per categoria o tipo di verticale.

Il secondo punto è il “Chi siamo”. Volutamente abbiamo fatto una scelta diversa. Abbiamo deciso di raccontare una storia che spiegasse il motivo per cui Pro Gamma è nata ed esiste evitando toni autocelebrativi. Forse il titolo più adatto per questa storia sarebbe “Perché ci siamo”?…

E infine la tua considerazione sulla struttura del sito moderno che assomiglia sempre più a un’applicazione e alla possibilità eventualmente di sviluppare siti di questo tipo con InDe in futuro. La risposta la trovi in questa affermazione nel mio post “il fatto che abbiamo sempre tenuto fede alla promessa di mantenere i nostri clienti al passo con la tecnologia è la dimostrazione che continueremo a farlo” ;-)

3 Diego 21 novembre 2014 alle 09:41

Scusate… il vostro prodotto di punta è un applicativo che sviluppa per il web, voi siete un’azienda di software…e vi siete fatti fare il sito “rivolgendovi a professionisti”???

No vabbè… si commenta da sola :D :D :D

4 Giuseppe Lanzi 21 novembre 2014 alle 10:08

Ma no, semplicemente non si può essere esperti in tutti e ne siamo consapevoli.
Tecnologicamente per il nostro reparto tecnico un sito web non è certo una sfida difficile, ma costruire un buon sito web non è una questione di codice bensì di contenuti, di organizzazione della navigazione, di messaggio da trasmettere, ecc.

Sviluppare internamente il sito web è possibile, l’abbiamo fatto tante volte, ma abbiamo sentito il bisogno di allargare i nostri orizzonti con il supporto di esperti in materia.
Anche quando abbiamo aperto questo blog ci siamo fatti aiutare. Ne siamo certi: i frutti di questo approccio si vedranno.

E poi così abbiamo più tempo per dedicarci a qualcosa per la quale serviamo proprio noi: lo sviluppo di InDe.
Meglio anche per i nostri utenti, no? :)

Leave a Comment

Previous post:

Next post: