App tra le nuvole

by Vittoria Marino on 25 giugno 2013

Ciao a tutti, sono Vittoria e da gennaio faccio parte anch’io dei “ragazzi” di Instant Developer. I più fortunati di voi hanno già avuto l’occasione di conoscermi telefonicamente, per gli altri rimando le presentazioni al nostro primo contatto ;)

Prima di arrivare non potevo immaginare la varietà degli argomenti trattati nelle riunioni in Pro Gamma, ad una delle prime a cui ho partecipato si parlava di servizi cloud based. Quanti di voi usano GMail, Google Calendar o Google Drive? Oppure ancora Skydrive o Dropbox? E scommetto che avete quasi tutti un account Google o Facebook. Ormai è chiaro che il supporto ai servizi cloud non è solo una moda passeggera ma è diventato un elemento molto importante nelle applicazioni, soprattutto in quelle mobile.

Voi che lo conoscete da più tempo sapete meglio di me com’è fatto Andrea: non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione di rendere le app sviluppate con Instant Developer ancora più belle. È per questo motivo che mi ha proposto di sviluppare un componente per integrare i più diffusi servizi cloud.

Io ho accolto la proposta con entusiasmo e ora sono pronta a svelarvi cose c’è dietro ai ??? con i quali Giuseppe ha voluto tenervi sulle spine nel suo post di presentazione di Instant Developer 12.1 alfa: IDCloud, un componente progettato per farvi integrare nelle vostre applicazioni servizi cloud e non solo, con il quale è possibile:

  • integrare PayPal ed eseguire pagamenti direttamente da Visual Code;
  • effettuare il login tramite Facebook e accedere ai contenuti pubblicati;
  • effettuare il login tramite Google;
  • integrare Google Calendar per la gestione dell’agenda;
  • integrare Gmail per leggere e inviare email;
  • integrare Dropbox, Google Drive e SkyDrive.

Se volete dare un’occhiata a IDCloud vi basta scaricare il progetto di esempio e compilarlo subito. Per le informazioni commerciali invece vi rimando come sempre a Giovanni.

Siete pronti a far volare le vostre app sulle nuvole?

{ 5 comments… read them below or add one }

1 Mauro Marini 26 giugno 2013 alle 10:38

Una bella sorpresa!
Nessuno commenta…come a tavola quando il cibo è buono.
Sono tutti a provarlo, me incluso. :)

2 Luca Baldini 26 giugno 2013 alle 17:58

@Mauro grazie!
Dato che lo state provando avrete sicuramente bisogno della documentazione relativa al componente, che trovate qui: http://doc.instantdeveloper.com/?ARTID=F3621E2E-C0E8-42C5-8A92-050B25D490E4 (il link diretto al PDF è questo: http://doc.instantdeveloper.com/F3621E2E-C0E8-42C5-8A92-050B25D490E4/IDCloudManual.pdf)

3 Riccardo Bianco 28 giugno 2013 alle 09:07

Quoto Mauro, Progamma è sempre prodiga di belle novità.
Purtroppo al momento ho le seguenti opzioni:
. rimandare le prove a quando avrò più tempo
. non avere una vita privata
. clonarmi
. inventare una macchina del tempo che mi porti 12 ore indietro e che mi permetta di allungare la giornata da 24 a 36 ore

si accettano suggerimenti

ps
scusate l’ot ;)

4 Giuseppe Lanzi 28 giugno 2013 alle 18:09

@riccardo
Rimandare le prove è un vero peccato.
La vita privata è fondamentale, quindi non se ne parla.
Quella della macchina del tempo è una gran fregatura, se allunghi la giornata a 36 ore finisce che ne lavori 34 e ne dormi 2. Non va bene.

Sembra che l’unica soluzione sia la clonazione. Noi ci proviamo da tempo con Baldini, ma non ci siamo ancora riusciti. Se fai qualche passo in avanti facci sapere :)

5 Riccardo Bianco 1 luglio 2013 alle 13:52

Concordo, è un vero peccato!

Leave a Comment

Previous post:

Next post: