A ciascuno la sua App

by Luca Baldini on 30 ottobre 2012

Con In.de creare App per dispositivi mobile è semplice come sviluppare applicazioni gestionali tradizionali. Ma per progettare buone applicazioni mobile occorre un nuovo approccio.

Le applicazioni gestionali solitamente seguono un approccio data oriented, dove l’organizzazione del dato su database costituisce il punto di partenza per la definizione delle videate. Questo approccio è diverso da quello che viene chiamato comunemente process oriented dove il processo è il punto di partenza e il dato, input/output del processo, viene dopo.

Questa diversità di approccio pone un problema nuovo perché rende più difficile creare prodotti generici, dato che, se cambiano le situazioni di utilizzo, cambiano anche i processi e quindi l’applicazione dovrebbe essere progettata diversamente. Occorrerebbe un sistema per adattare l’applicazione ad ogni singolo utente o condizione di lavoro!

Per aiutare a risolvere questo problema, nella versione 11.5 abbiamo reso funzionante il modulo RTC anche per le applicazioni mobile offline. Da oggi l’interfaccia utente di ogni singola installazione può essere modificata per renderla più adatta alle esigenze di ogni utente senza bisogno di modificare l’applicazione. Siamo abituati ad applicazioni mobile statiche, con interfaccia fissa. Da oggi, con RTC, ogni singolo utente può disegnarsi l’interfaccia della propria applicazione.

Se, ad esempio, un’applicazione di business viene utilizzata da diverse tipologie di utenti, potrebbe essere ragionevole modificare le liste e le videate per nascondere alcuni campi o mostrarne altri. Se si implementa un catalogo di prodotti, può essere utile adattare la forma della pagina a seconda della tipologia degli stessi. Se ci sono utenti internazionali, è necessario avere app multilingui. Tutto questo può essere gestito automaticamente dal framework RTC.

Il modulo RTC è un’arma potente per creare applicazioni personalizzabili anche dagli stessi utenti che la utilizzano. Se non lo avete ancora provato vi consiglio di contattare Giovanni Foschini e richiedere un periodo di prova.

 

Immagine: AdlanKhalidi

Leave a Comment

Previous post:

Next post: