Qualche mese fa abbiamo aggiunto ad Instant Developer Cloud la possibilità di importare web-api generate da Foundation, permettendo così la creazione di applicazioni Cloud basate su back-end Foundation già esistenti.

Visto l’interesse di questa iniziativa di integrazione, abbiamo voluto andare avanti permettendo di esporre via web-api standard anche i dati presenti in un back-end realizzato con Instant Developer Cloud.

In questo modo diventa possibile realizzare la parte gestionale con Foundation, sfruttandone la maggiore rapidità di sviluppo. E in più siccome abbiamo adottato lo standard OData, i vostri dati risulteranno già leggibili da tutti i client di terze parti che lo supportano.

Come si fa ad attivare le web-api? Lato Instant Developer Cloud basta configurare il servizio web-api su ogni documento e poi pubblicare l’applicazione di back-end. Lato Foundation, si tratta di importare le web-api generate da Cloud ed utilizzare come al solito i componenti importati nel progetto.

Per mostrarvi un esempio, ho pubblicato l’applicazione datamap-design-patterns con le web-api attive, e ho anche aggiunto un sistema di autenticazione per renderle più sicure. Per vedere il codice relativo, potete aprire il progetto, in cui trovate le web-api nella libreria NWBE e il codice di autenticazione nell’evento onCommand.

Le ho poi importate in questo progetto Foundation (MWind) che potete testare direttamente dal vostro IDE. I dati che vedrete provengono dal nostro server Instant Developer Cloud.

Cosa ne pensate? Pensate che vi possano servire nei vostri prossimi progetti?

{ 0 comments }

Da quando è cominciata la mobile revolution uno degli argomenti più sentiti è stato quello della stampa direttamente dall’app. Nel 2013 abbiamo reso disponibile il motore di reportistica delle app mobile sviluppate con Instant Developer Foundation. Ora è il momento giusto per fornire una soluzione anche per Instant Developer Cloud.

Come sapete Cloud è orientato ad un front end tutto HTML e CSS e richiede un uso diretto di questi linguaggi per disegnare la propria applicazione, al contrario di Foundation che riduce questa complessità grazie al proprio modello di oggetti di libreria. Anche per il generatore di PDF la differenza è simile: si parte direttamente dall’HTML.

I vostri launcher hanno ora a disposizione il nuovo plugin PDF Generator, che permette di creare un pdf a partire da un codice html passato a parametro.

I due metodi messi a disposizione sono semplicissimi: fromURL() e fromData().L’uso è chiaro e semplice: entrambi creano un file pdf a partire da codice HTML (passato a parametro o recuperato via URL) e tornano il risultato al chiamante. È anche possibile inviare il risultato direttamente alla stampante nota al sistema operativo, oppure gestire manualmente il pdf e passarlo ad un’app si stampa specifica per la stampante utilizzata.

Per attivare il plugin sui vostri launcher vi basta usare una release 2.04.01+ e attivare il plugin PDF Generator dalla pagina Plugins del vostro launcher. Non sono richieste impostazioni aggiuntive.

Per informazioni aggiuntive sul plugin potete dare un’occhiata al repository su github, per fare una prova potete guardare l’esempio Plugin Design Patterns e come dico sempre “per chiarimenti e supporto siamo sempre disponibili”.

Happy pdf to everyone! 🙂

P.S.
Alcuni di voi sanno che questo non è l’unico modo di ottenere dei pdf con Instant Developer Cloud, ce n’è un altro che prevede l’uso di Google Documents. Se siete curiosi restate sintonizzati, eh!

{ 0 comments }

Conosciamo tutti i ciclo di sviluppo del software che trasforma l’analisi dei requisiti in codice, poi in test e successivamente in una nuova installazione. Qualche tempo fa vi ho parlato della soluzione che Instant Developer Cloud mette a disposizione per effettuare test automatici approfonditi su un ambiente il più possibile simile a quello di produzione.

Fintanto che l’errore emerge nella fase di test sappiamo sempre cosa fare, ma cosa occorre per poter reagire rapidamente quando i problemi di manifestano in produzione?

È necessario un sistema di controllo dell’applicazione che possa essere acceso e spento in un qualunque momento, che non necessiti di essere previsto a design time e che sia facilmente fruibile senza dover accedere al server per scartabellare tra decine di file di log.

Lo strumento di log in produzione di Instant Developer Cloud vuole rispondere a queste esigenze.

Usarlo è semplicissimo: è sufficiente andare nella pagina delle installazioni del progetto, aprire il dettaglio dell’installazione da investigare ed accedere alla pagina di debug.

Dalla videata che si apre è possibile abilitare sia il log applicativo sia il log del database, le stesse informazioni che vedete nello strumento di debug integrato dell’IDE quando avviate la vostra app in sviluppo.

Dalla pagina di debug è disponibile l’elenco delle sessioni applicative degli ultimi mesi, ognuno dei quali indica sia la presenza di log, warning o errori sia il fatto che la sessione sia ancora in corso o meno. Se la sessione applicativa ha generato un log allora è possibile vederlo in due modi:

  • direttamente dalla console, come vedete nella prima immagine di questo articolo;
  • dall’ide, aprendo la versione del progetto che era stata usata per compilare la build che ha generato il log.

Quest’ultima funzionalità è particolarmente interessante, perché anche leggendo il log dell’applicazione potrebbe essere difficile comprenderlo a causa delle modifiche fatte al progetto nei salvataggi successivi all’installazione. Invece con questo sistema potete aprire dall’ide proprio il progetto che è stato usato per l’installazione, allo stato in cui si trovava al momento della compilazione e anche se si tratta del progetto di un vostro collega.

E non è tutto, perché al momento della compilazione è possibile attivare il debug dell’applicazione. Attivando questo flag sarà possibile eseguire il debug step by step delle sessioni online della vostra applicazione, proprio mentre sono utilizzate!

Allora, che ne dite? Vi piace?

{ 0 comments }

Utilità: EnjoyCSS

by Giuseppe Lanzi on 27 aprile 2018

HTML 5 e CSS3 hanno enormi potenzialità, ma bisogna conoscerli e sapere come usarli. È capitato diverse volte che il mio interlocutore mi dicesse “ma ancora non conosco bene CSS3, dovrei trovare il modo di ottenere quello che mi serve in tempi rapidi“.

Per fortuna oggi la rete è la grande risorsa a cui tutti possiamo attingere per avere manuali, guide, istruzioni. E se trovassimo degli esempi interessanti?

Oggi vi propongo un sito interessante: EnjoyCSS.

L’idea è semplice: invece che partire dalla ricerca del manuale per questa o quella regola CSS per ottenere il risultato desiderato, si parte dal risultato e il sito ci propone la classe CSS da utilizzare.

So che a molti di voi piacerà.
Buon divertimento 🙂

{ 2 comments }

Instant Developer Foundation 18.0 è tra noi

11.04.2018

Come annunciato qualche settimana fa, questo lunedì abbiamo rilasciato Instant Developer Foundation 18.0. Una versione interessante per la quale dobbiamo ringraziare soprattutto i suggerimenti arrivati dalla community e dal rapporto diretto con voi. Infatti in questa versione abbiamo voluto privilegiare soprattutto le vostre richieste di miglioramento, per darvi uno strumento sempre al pari delle vostre […]

Read the full article →

Auguri di buona Pasqua

31.03.2018
Read the full article →

Utilità: Let’s Encrypt!

16.03.2018

Negli ultimi anni il problema sicurezza è diventato sempre più importante per quanto riguarda le infrastrutture web. C’è chi dice anche che tutte le comunicazioni dovrebbero essere criptate: basta HTTP e W HTTPS! Beh, la sicurezza fa sempre piacere, ma se da un lato siamo contenti di veder adeguare i nostri fornitori c’è chi storce […]

Read the full article →

Cloud e Foundation insieme con le WebAPI

07.03.2018

Durante i due anni passati abbiamo avuto modo di soffermarci qualche volta sulla differenza tra le edizioni Foundation e Cloud di Instant Developer. Il primo è perfetto per applicazioni aziendali in cui la velocità di sviluppo è in primo piano mentre il secondo è più orientato alla realizzazione di app customer facing dove l’immediatezza e […]

Read the full article →

Iscriviti al corso gratuito di Instant Developer Cloud

20.02.2018

La Digital Transformation è oggi sempre di più il tema delle mie conversazioni con chi sviluppa software, ed è per questa ragione che sono contento di avere affiancato a Instant Developer Foundation, un prodotto già affermato e sempre più diffuso, la sua controparte Cloud. Infatti la mission di Pro Gamma è quella di rendere disponibile […]

Read the full article →

Ad aprile Foundation arriva a 18

07.02.2018

Dopo aver annunciato le novità di Instant Developer Cloud è arrivato il momento di svelare i contenuti della prossima versione di Instant Developer Foundation, prevista per il 9 aprile 2018. Tengo innanzitutto a segnalare che lo sviluppo su Instant Developer Foundation è continuo lungo tutti i 12 mesi dell’anno, così come avviene anche per Instant […]

Read the full article →