Vi ricordate che vi abbiamo invitato all’evento Google Cloud Onboard del 29 novembre a Roma? Noi parteciperemo con un nostro stand… e saremo in tanti.

Ma varrà davvero la pena fare tanti chilometri per un evento sul Cloud? Immagino ve lo siate chiesto in molti, e vi confermo che ce lo siamo chiesti anche noi prima di proporvelo.

È per questo motivo che lo scorso 17 ottobre sono andato alla tappa di Milano, per raccontarlo a voi, e ho avuto la conferma che per la nostra Community andare all’evento può portare diversi vantaggi. Tento di riassumerli in 3 punti:

  1. Verranno mostrati i 19 principali servizi offerti da Google Cloud ed i loro possibili usi, inquadrandoli nelle diverse categorie (Compute Engine, Big Data, Storage e Machine Learning).
    Il vantaggio? Poter finalmente capire con chiarezza se ci sono ambiti in cui il Cloud può esservi utile già oggi. Forse i servizi di Machine Learning non vi saranno utili sin da subito, ma perchè non i server auto-scaling, che fanno backup istantanei, e che paghi in base a quanto li usi?
  2. Non so com’è per voi ma, quando vengo a conoscenza di nuovi strumenti, subito magari non so come usarli, ma poi mi tornano in mente come soluzione quando affronto un nuovo tipo di problema.
    Vi dirò che proprio la scorsa settimana uno di voi mi ha chiesto come leggere testo da fotografie fatte in fabbrica e, grazie al fatto che ho partecipato all’evento, subito mi è venuto in mente di proporgli di approfondire il funzionamento delle vision API.
  3. In questi anni ho partecipato a tanti eventi, spesso frequentati da interlocutori commerciali che ti vogliono proporre qualcosa. Ecco, questa è la prima volta che sono stato ad un evento in cui si possono incontrare persone che stanno affrontando le tue stesse sfide tecniche: i coffee break, il welcome coffee ed il pranzo offerti da Google Cloud diventano così validi momenti di networking

C’è molto altro, tra cui la possibilità di conoscere gli altri nostri partner che parteciperanno: il resto lo scoprirete all’evento e allo stand di Instant Developer Cloud.

Vi ricordo solo che la registrazione e la partecipazione sono gratuite e consiglio di registrarvi quanto prima perché i posti a Milano sono andati esauriti in anticipo e sembra (ma non avevamo dubbi) che anche per Roma il trend sia simile. Infatti, anche a beneficio di chi si è già iscritto, avvisiamo che la sede dell’evento è cambiata proprio per soddisfare la domanda più alta del previsto. Tutte le informazioni nel form di registrazione.

Ci vediamo a Roma!

{ 0 comments }

Esattamente un anno fa (settimana più, settimana meno) abbiamo reso possibile usare Bootstrap nelle applicazioni web sviluppate con Instant Developer Foundation. Da allora i feedback sono stati moltissimi, di questo vi ringraziamo sempre, e una delle funzionalità più richieste è stata la possibilità di modificare i dati anche in lista.

Infatti prima non era possibile farlo, perché la prima fase dello sviluppo del tema è stata focalizzata sull’integrare l’esperienza nativa di Bootstrap nelle vostre applicazioni. E l’editing in lista non è nativamente supportato dal framework.

Ora è arrivato il momento di ottenere ancora di più dalla sinergia Bootstrap + Foundation, introducendo una nuova funzionalità in Instant Developer Foundation 16.5.

Sono felice di dire che dalla release 16.5 r4 è possibile avere un’applicazione che sfrutta allo stesso tempo sia il tema Bootstrap sia la comodità delle liste editabili tipiche del nostro ambiente di sviluppo.

L’usabilità tipica del celebre framework responsive rimane intatta ma diventa possibile modificare i dati senza costringere l’utente ad andare sempre in dettaglio anche per le piccole modifiche. In fase di inserimento è sempre necessario andare in dettaglio, perché al contrario l’inserimento in lista non è supportato. Per maggiori informazioni potete dare un’occhiata alle note di rilascio della versione 16.5 r4.

Nel caso in cui si volesse restare strettamente fedeli all’esperienza utente di Bootstrap, è possibile ottenere il comportamento desiderato implementando l’evento onGlobalChangeLayout e scrivere:

panel.locked = newLayout == List

Cosa ne pensate? Avete già in mente qualcuna delle vostre app che verrebbe migliorata da questa nuova possibilità?

I commenti sono sempre ben accetti.

{ 0 comments }

Oggi voglio darvi una notizia fresca fresca che mi rende particolarmente contento: Instant Developer Cloud è stato selezionato da Google Cloud come Technology Partner della piattaforma GCP e presto lo troverete listato nella directory mondiale dei partner Google Cloud.

Perché è stato scelto? Perché è la prima “application platform as a service” (aPaas) completamente basata su Google Cloud Platform: ne estende le funzionalità e permette di usarlo in un modo semplice e prevedibile.

Siamo certi che questa importante novità porterà grandi frutti, rendendo Instant Developer più visibile a livello mondiale. E il bello che il primo frutto è già qui ed è tutto per voi.

Infatti tramite questa partnership possiamo invitare tutti i membri della nostra Community ad un evento riservato che si terrà a Roma il 29 novembre prossimo, il Google Cloud OnBoard.

Perché è così importante? Perché anche se tutti parlano del Cloud, poi chi davvero ci mette le mani sul serio sono solo pochi “iniziati”.

Chi viene a Roma potrà seguire passo passo una serie di presentazioni hands-on guidate dai tecnici Google Cloud e diventare così esperto del controllo di una delle maggiori piattaforme Cloud esistenti. Al termine si riceverà anche un attestato di partecipazione.

E poi ci siamo anche noi, visto che parteciperemo all’area espositiva. Se ci venite a trovare possiamo analizzare il vostro prossimo progetto Cloud oppure semplicemente scambiarci le ultime esperienze. Per tutti quelli che verranno, abbiamo un regalo (ovviamente) tecnico: un developer kit per applicazioni IoT che vi potrà far nascere nuove idee.

Non posso che concludere quindi invitandovi a registrarvi al Google Cloud OnBoard usando i link di questo post che vi qualificano come membri della nostra Community.

Ci vediamo a Roma!

{ 1 comment }

È cominciato l’autunno e con le prime foglie che cadono è giunto il momento di fare un punto sul supporto di Instant Developer. È un momento importante, specialmente per valutare l’efficacia delle ultime modifiche alla procedura nate per accelerare la presa in carico delle richieste.

Facciamo una rapida panoramica sui numeri del supporto: Il 70% degli interventi ha ricevuto un feedback e il voto medio compessivo è stabile a 4,46. Il 25% dei ticket ha richiesto più di un intervento e l’8% più di due. Le medie parziali delle varie tipologie di intervento è:

  • 4,52 per le richieste di assistenza.
  • 4,25 per le segnalazioni di malfunzionamento.
  • 4,22 per le segnalazioni di errore interno.
  • 4,52 per le consulenze.

Con l’ultima modifica alla procedura è diventato possibile instradare in autonomia un intervento subito dopo l’inserimento, specificando anche quale ambito di Instant Developer è da analizzare insieme, e nel caso fosse utile anche riaprire un ticket subito dopo la chiusura.

Devo dire di essere molto contento del primo risultato del nuovo meccanismo di instradamento: il 26% dei ticket di assistenza è stato gestito nello stesso giorno in cui è stato inserito. Questo significa che il 26% delle richieste è stato concluso un giorno lavorativo in anticipo rispetto alla procedura di supporto precedente.

I prossimi passi saranno rivolti a consolidare la procedura attuale, raffinando il meccanismo di assegnamento degli operatori e la nuova gestione delle patch consegnate.

Al prossimo report.

{ 4 comments }

È arrivato Instant Developer Foundation versione 16.5

03.10.2017

Instant Developer prosegue il suo percorso di aggiornamento per garantirvi di poter realizzare sempre soluzioni software allo stato dell’arte. La novità più rilevante infatti di questa nuova versione 16.5 interessa lo sviluppo di app mobile con l’introduzione di un nuovo motore grafico basato su uno dei framework più interessanti degli ultimi anni ovvero Ionic. Diego vi […]

Read the full article →

WebRTC: collaborazione senza frontiere

27.09.2017

La collaborazione basata sul web è sempre più diffusa e siamo in molti a desiderare di poter lavorare insieme ai colleghi nei nostri ambienti quotidiani godendo della stessa facilità offerta da strumenti come Google Documents. E a dirla tutta alle volte vorremmo anche di più. Infatti potremmo dire che la collaborazione remota ha due esigenze: […]

Read the full article →

Annullare le modifiche?

19.09.2017

Prendo spunto da questo simpatico popup che mi è apparso durante l’uso di un’app di origine cinese collegata ad un gadget comprato via internet per sottolineare l’importanza della traduzione linguistica delle applicazioni internazionali. Spesso ci si preoccupa del lato tecnico del problema, cercando sistemi che consentano ai programmatori di gestire facilmente la traduzione, ma si […]

Read the full article →

Preview 16.5: ecco il nuovo tema Ionic

12.09.2017

All’inizio dell’anno Andrea aveva detto che la versione 16.5 avrebbe incluso un nuovo sistema di rendering per l’interfaccia utente. È giunto il momento di rivelarvi che si tratta del nuovo tema “Ionic” per applicazioni mobile. In realtà non si tratta solo di un nuovo tema, ma di un nuovo il sistema di rendering basato su uno […]

Read the full article →

Instant Developer: i corsi di fine anno

08.09.2017

È settembre inoltrato e la ripartenza dopo le vacanze estive è ormai acqua passata per molti di noi e anche quest’anno sono numerosi i nuovi progetti per i quali è stato adottato Instant Developer: è un ottimo momento per riprendere la formazione ed essere più pronti che mai. Il calendario dei prossimi corsi in aula […]

Read the full article →

DIY: Internet of Things

05.09.2017

Chi segue i trend del mondo dell’informatica sa bene che uno dei più caldi è quello relativo a sistemi IoT (Internet of Things). Un sistema IoT è in grado di rilevare dati da un insieme di oggetti “intellligenti” connessi al cloud; in alcuni casi essi sono anche controllabili dal cloud. Ma quali sono questi oggetti […]

Read the full article →